Il Match e la Cantera

Il match d’improvvisazione teatrale ( è un tipo di spettacolo nato in Canada alla fine degli anni settanta per iniziativa di due attori registi, Robert Gravel e Yvon Leduc. Essi decisero di creare un ibrido tra un’improvvisazione teatrale e un match sportivo (e precisamente l’hockey su ghiaccio, sport nazionale canadese).

Il match consiste in una gara fra due squadre composte da tre a cinque giocatori ciascuna, talvolta guidati da un allenatore. Un arbitro, coadiuvato da due assistenti, propone dei temi sui quali i giocatori/attori sono chiamati ad improvvisare. L’arbitro controlla anche che il match si svolga secondo precise regole e può fischiare dei “falli” ai giocatori che non le rispettano.

Per ogni improvvisazione viene dato:

  • un titolo;
  • il numero dei giocatori (illimitato, uno per squadra, solo donne, eccetera);
  • la categoria (libera, in uno stile teatrale o cinematografico, in rima, muta, cantata, eccetera);
  • la durata dell’improvvisazione (da alcuni secondi fino ad oltre 15 minuti; la media è di 4-5 minuti).

Al fischio dell’arbitro le squadre hanno 20 secondi di tempo per concertare una strategia. Al secondo fischio l’improvvisazione comincia.

Le improvvisazioni possono essere di due tipologie:

  • mista (le squadre improvvisano contemporaneamente integrandosi sullo stesso tema proposto dall’arbitro);
  • comparata (ciascuna squadra è chiamata a turno ad improvvisare sul titolo proposto).

Al termine di ogni improvvisazione il pubblico è invitato a votare per una delle due squadre mediante un cartoncino riportante, sulle due facce, i colori delle squadre in gara.